greenvet erboristeria veterinaria PLANTAGO-LANCEOLATA

PIANTAGGINE – PLANTAGO LANCEOLATA – PLANTAGO MAJOR

Famiglia: Plantaginaceae – Pianta officinale.
Parte utilizzata: foglie.

PRINCIPI ATTIVI
Glicosidi iridoidi: aucubina, catalpolo; flavonoidi: apigenina, luteolina, ecc.; tannini; mucillagini; acidi: oleanolico, clorogenico, citrico, succinico, benzoico, silicico.

PROPRIETÀ
Gli iridoidi presenti nel fitocomplesso della pianta sono responsabili dell’attività antinfiammatoria (catalpolo), antimicrobica ed antiallergica (aucuboside).
Tramite il test di diffusione (Della Loggia R., op. cit., p. 379) si è appurato che 1 ml di soluzione acquosa di aucubina al 2%, contenente beta-glicosidasi, è in grado di determinare un alone di inibizione di staphylococcus aureus analogo a quello ottenuto con 600 U.I. di penicillina. Sembra sia anche stimolata la produzione di interferone (Plachcinska et al., Fitoterapia, 55 346 (1984). La droga viene tradizionalmente impiegata nel trattamento sintomatico delle patologie infiammatorie otorinolaringee e broncopolmonari in virtù dell’azione emolliente e sedativa svolta dalle mucillagini. La pianta ha inoltre un effetto ricoprente e protettivo degli epiteli.
La piantaggine, per l’azione antivirale e astringente dei tannini, l’aucubina, che si trova soprattutto nella foglia, possiede anche un’attività antiallergica, per cui l’uso della pianta risulterebbe utile nella bronchite cronica asmatiforme. La presenza di saponine e flavonoidi attribuisce alla pianta proprietà diuretiche e blandamente sedative.

INDICAZIONI
Tosse, bronchiti, infiammazioni intestinali, diarrea, allergie, infiammazioni orofaringee (paradontosi, gengiviti).