greenvet erboristeria veterinaria RIBES-NIGRUM

RIBES NIGRUM

Famiglia: Sassifragaceae – Pianta officinale, alimentare.
Parte utilizzata: foglie.

PRINCIPI ATTIVI
Le foglie contengono: olio essenziale che si scinde in acido cimico e un’ossidasi. Contiene inoltre: sabinene, cariofillene, cadinene, sabinolo, sesquiterpeni, terpinolo, fenoli. Flavonoidi: rutina, quercetina, isoquercetina, kaempferolo, ecc. Tannini: polimeri flavan-3-olici, epigallocatechina, gallocatechina. Acidi fenolici; diterpeni; triterpeni; aminoacidi: arginina, prolina, glicina ecc.
Le gemme di ribes nigrum contengono: derivati fenolici (flavonoidi e antociani), in particolare i picnogenoli; amminoacidi (28,6 mg/g): arginina, prolina, glicina, alanina, ecc.
Vitamina C (107 mg/g).

PROPRIETÀ
Le foglie sono dotate di attività diuretica e antireumatica, per la capacità di liberare l’organismo dalle purine e dall’acido urico in eccesso. è stato dimostrato che il ribes, grazie al potassio che contiene, contribuisce all’eliminazione dell’eccesso di composti acidi presenti in soggeti affetti da infiammazioni renali. Inoltre, il suo olio essenziale aiuta a migliorare la capacità di filtraggio dei reni. Le foglie hanno azione antinfiammatoria sia nei processi acuti che in quelli cronici: si ha la diminuizione dei macrofagi e di altre cellule infiammatorie. L’azione antinfiammatoria è sostenuta dai flavonoidi, che si oppongono alla liberazione delle sostanze proflogogene e alla loro azione vitamino P-simile che determina un miglioramento del microcircolo e della vascolarizzazione. Ha azione antiallergica-antinfiammatoria per azione sulle catene enzimatiche che producono i prostanoidi, ma anche stimolando il rilascio, da parte delle surrenali, di corticosteroidi attivatori della risposta endogena all’infiammazione.
Il gemmoderivato, ottenuto dalla macerazione delle gemme fresche, possiede una marcata azione antinfiammatoria e antiallergica.
Il suo uso è indicato nelle manifestazioni cliniche in cui è necessario stimolare la corteccia surrenale, come nelle manifestazioni allergiche, in quelle di natura infiammatoria generale e locale, in particolare a carico dell’apparato locomotore ma anche a carico degli apparati respiratorio, digestivo ed urinario. Dotato di attività antinfiammatoria, il ribes nigrum agisce per stimolazione diretta sulla corteccia surrenale (azione cortisone-like): la sua somministrazione aumenta infatti la concentrazione di cortisolo ematico. Non possiede, per altro, gli effetti iatrogeni dei corticoidi. Studi sperimentali, attuati tramite test che saggiano la presenza di un’attività surrenalica (aumento della resistenza alla fatica, al freddo, etc.), hanno confermato l’attività stimolante sulla corteccia surrenalica e la notevole attività inibitrice nei riguardi dei processi infiammatori ad opera del gemmoderivato (Tetau M. Gemmoterapia, nuovi studi clinici, Ipsa, Palermo 1989). Secondo alcuni autori (Rolland O., Binsard A.M., Raynard J., Planta Med. Et Phytot., 1977, XI., 3,222-229) l’attività antinfiammatoria sarebbe da ascrivere, almeno in parte, all’inibizione di alcuni enzimi di degradazione, quali collagenasi, elastasi, perossidasi, etc., ad opera di antociani e flavonoidi: quest’ultimi, oltre a manifestare un’azione vitaminico P, presentano un effetto regolatore sulla permeabilità delle biomembrane ed un’azione di risparmio e potenziamento nei confronti dell’acido ascorbico. L’attività antinfiammatoria, pertanto, è sostenuta dai flavonoidi che si oppongono alla liberazione delle sostanze proflogogene e che, grazie all’azione vitamino P-simile, determinano un miglioramento del microcircolo e della vascolarizzazione locale. Lavori recenti (Tits M., Angenot L., Poukens P., Warin R., Diercksens Y., Phytochemistry, 1992,31,971,973; Tetau M. Cahiers de Biothérapie, 138,1996) segnalano l’importanza dei picnogenoli (procianidine e prodelfinidine) nell’estrinsecarsi dell’attività antinfiammatoria.

INDICAZIONI
Allergie, fragilità capillare, sindromi febbrili influenzali, reumatismi.